Il Mar Mediterraneo è uno dei più importanti luoghi di biodiversità in Europa e, secondo l'IUCN, ospita numerose specie rare di flora e fauna in via di estinzione. La conservazione della biodiversità del Mediterraneo è considerata necessaria e dipende da vari fattori, il che significa che l'azione per la protezione e la conservazione delle risorse naturali marine è una strada a senso unico. Dal 2013, la Fondazione Thalassa ha intrapreso diverse iniziative per proteggere l'ambiente marino. Parliamo con la dottoressa Vera Alexandropoulou, vicepresidente della f ondazione, che ci descrive la ricchezza naturale unica del Mediterraneo, i pericoli che deve affrontare e ci informa sulle azioni della fondazione.

© Monk Sea Alliance. G.Lecoeur

Quali sono i pericoli che minacciano la ricchezza naturale unica del Mediterraneo?

Nonostante il fatto che il Mediterraneo copre solo lo 0,7% degli oceani del mondo, è uno degli hotspot più importanti per la biodiversità marina e costiera, con rispettivamente il 28% di specie endemiche, il 7,5% della fauna marina mondiale e il 18% della flora marina. Allo stesso tempo, però, il Mediterraneo è uno dei mari più inquinati dal punto di vista ambientale del pianeta. Il 10% della popolazione costiera mondiale vive sulle sponde del Mediterraneo, mentre le sue acque sono una delle "strade" più trafficate per la navigazione. Ogni anno più di 150 milioni di turisti visitano i paesi del Mediterraneo, circa 1/4 dei turisti provenienti da tutto il mondo! Lo sviluppo turistico anarchico, il sovraffollamento delle zone costiere, ma anche la sua conformazione geografica chiusa, sono solo alcuni dei motivi per cui il Mediterraneo è considerato - ed è - una delle aree marine più inquinate.

Il nostro quartiere marino rischia di trasformarsi in un'enorme discarica d'acqua con la plastica come protagonista principale. Gli studi mostrano che più di 1.500 tonnellate di plastica galleggiano nel Mediterraneo, mentre detriti di plastica sono stati trovati in lungo e in largo, dalla superficie del mare alle sue maggiori profondità e lungo l'intera costa, ferendo o addirittura uccidendo specie marine emblematiche; alcune do cui sono protetti e in via di estinzione, come tartarughe marine, cetacei, ecc., mentre, allo stesso tempo, degradano notevolmente gli ecosistemi marini e costieri.

E purtroppo le sfide che gli ecosistemi marini del Mediterraneo devono affrontare non si esauriscono qui. La pratica cronica della pesca eccessiva υπεραλίευσης ha spinto gli stock ittici a livelli marginali e le politiche europee e internazionali intraprese ora hanno molta strada da fare prima che possano riprendersi in modo soddisfacente. Secondo un rapporto dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura nel 2018, il Mediterraneo è il mare più sovrasfruttato al mondo.

Il problema della pesca eccessiva nel Mediterraneo causa problemi di filiera in altri ecosistemi, alla sostenibilità di specie specifiche, ma anche alla sostenibilità di professioni tradizionali come questo del pescatore costiero. Infine, non bisogna trascurare il problema delle specie aliene, che negli ultimi anni ha invaso definitivamente il Mediterraneo e può incidere in modo significativo sui processi ecosistemici con conseguenze economiche incalcolabili. In piú, obviamente, l'enorme sfida dei cambiamenti climatici che si ripercuotono negativamente sull'intero pianeta e in tutti gli aspetti dell'ambiente, e di conseguenza nel Mar Mediterraneo.

Thalassa 3 © Monk Sea Alliance. G.Lecoeur

Quali sono le azioni della fondazione a livello di istruzione e promozione di azioni informative?

Per la Fondazione Thalassa, come suggerisce il proprio nome, l'obiettivo è sempre stato quello di ripristinare e preservare l'ambiente marino e i mezzi sono stati la consultazione, la partecipazione, cosí come l'innovazione, gli strumenti digitali. Ma primo posto viene siempre l'uomo, il pescatore, l'imprenditore, lo studente, la comunità locale, ad ascoltare i loro bisogni e la loro visione in modo che l'auspicato sviluppo sostenibile fosse allo stesso tempo equo e accettabile, accettato da tutti i soggetti coinvolti, per il loro beneficio e con la loro partecipazione attiva in ogni fase della sua attuazione. Sulla base di questa visione, abbiamo scelto Alonissos e l'emblematico Parco Marino Nazionale di Alonissos delle Sporadi settentrionali, una delle aree marine protette più grandi d'Europa, come area pilota di azione, che ospita le specie in via di estinzione della foca mediterranea, ma anche dozzine di specie di flora e fauna.

In questa incantevole isola delle Sporadi, la Fondazione Thalassa, insieme alle organizzazioni ambientaliste Mesogeios SOS Network & MOm ha realizzato una delle campagne di informazione di maggior successo per il sacchetto di plastica nel 2015, "Alonissos senza sacchetti di plastica". Questa campagna ha aperto la discussione per l'imballaggio specifico ma anche per la plastica usa e getta in Grecia ed è stato un buon esempio per molte altre aree della Grecia che hanno poi implementato corrispondenti iniziative molto importante; la prima e la migliore è stata la vicina Skiathos in cui abbiamo realizzato una campagna quasi gemella, l'A.S.A.P. (Active Skiathos Against Plastic bag- Skiathos attiva contro il sacchetto di plastica). Da allora fino ad oggi, la Fondazione non ha smesso di organizzare azioni di informazione e sensibilizzazione, come la pulizia delle coste nel Parco marino di Alonissos, ispirando e incoraggiando i giovani e gli anziani dell'isola a prendere in mano il destino del loro posto e preservare l'inestimabile loro capitale fisico. Elencando a titolo indicativo e non esaustivo le nostre azioni volte a informare e sensibilizzare la comunità locale, vale la pena ricordare la recente azione degli scout di Alonissos, che, con il supporto della Fondazione, hanno realizzato un documentario sul parco marino di Alonissos.

THALASSA 1 foto sopra © Monk Sea Alliance. G.Lecoeur

Si tratta di un progetto che è stato "abbracciato" con entusiasmo dai ragazzi, che hanno fatto ricerca, studio, interviste, riprese incentrate su questo prezioso capitale naturale del loro luogo, ne hanno saputo di più attraverso questo percorso e - vogliamo crederci - hanno consolidato il valore della sua conservazione. Allo stesso tempo, il "veicolo" greco della Fondazione Thalassa, l'organizzazione ambientale "Αέναος Θάλασσα-Eternal Sea" implementa il periodo attuale insieme a Helmepa Associazione ellenica per la protezione dell'ambiente marino https://www.helmepa.gr/?view=default e O.FY.PE.KA. https://necca.gov.gr/ Organizzazione dell'ambiente naturale e dei cambiamenti climatici il progetto " Sea Guardians " , finanziato dal Fondo verde e mira a formare, attraverso webinar & e-workshop, professionisti chiave del mare (pescatori, porto, utenti di yacht) su come, attraverso la loro attività in ambiente marino, possono preservarlo e mantenerlo in buono stato.

E al riguardo delle altre vostre aree di attività?

Il Parco Nazionale Marino di Alonissos delle Sporadi settentrionali è per la Fondazione una continua fonte di ispirazione per azioni, ricerca e innovazione. In collaborazione con università e scienziati marini, conduciamo costantemente studi sulla qualità dell'acqua di mare, lo stato degli stock ittici, le popolazioni di coralli, gli habitat dei cetacei e tutto ciò che può illuminare lo stato attuale del parco marino, le sue esigenze e le azioni da intraprendere per proteggerlo. Allo stesso tempo, la Fondazione ha sviluppato un sistema standard di sorveglianza 24 ore su 24 del parco marino, che in quanto area marina protetta è un ecosistema estremamente vulnerabile e necessita di cure particolari. Questo sistema si basa su una combinazione di pattugliamenti intensivi che utilizzano gli strumenti tecnologici più recenti e assiste il lavoro istituzionale dell'Organizzazione per l'ambiente naturale e il cambiamento climatico (OFYPEKA) e delle autorità portuali.

Oltre i confini del parco marino di Alonissos, la Fondazione sostiene iniziative e progetti nazionali e transnazionali per la protezione e il ripristino della foca monachus monachus, che, tra l'altro, ne mappa i luoghi di riproduzione a livello euromediterraneo, registra le principali minacce per la specie e la progettazione integrata per la conservazione delle specie. Recentemente, attraverso il progetto "Mapping for Conservation" e in collaborazione con l'organizzazione ambientale MOm, è stata completata la mappatura di importanti località della foca mediterranea in tutta la Grecia, un fatto che consente di valutare lo stato riproduttivo e la struttura demografica della sua popolazione locale; soprattutto, ha contribuito, tra l'altro, alla preparazione di un piano d'azione integrato per la foca del Mediterraneo in Grecia. Infine, con altri 23 partner, provenienti da tutta Europa e dal Mediterraneo, partecipiamo al progetto europeo HORIZON, EcoScope, che mira all'approccio ecosistemico della pesca, al fine di raggiungere la protezione degli ecosistemi marini.

 

Quali collaborazioni state promuovendo con l'obiettivo di tutelare il sistema marittimo e costiero e di promuovere la mediterraneità?

Il denominatore comune di quasi tutte le attività di cui sopra è stato uno, la collaborazione: che sia la comunità scientifica, la comunità locale, studenti, pescatori, imprenditori o decisori, il materiale che trasforma un'idea in azione, che trasforma l'innovazione in un progetto, è la buona cooperazione di organizzazioni che vogliono lavorare per un obiettivo comune. Fin dalla sua nascita, la Fondazione ha ricercato sinergie, alleanze, azioni congiunte con rappresentanti della Società Civile, organizzazioni ambientaliste, Fondazioni e in generale tutti con i quali poter condividere la stessa visione e gli stessi valori per un futuro più sostenibile. In Grecia, la Fondazione Thalassa ha collaborato con organizzazioni ambientaliste in attività di informazione e programmi di studio delle specie, con la comunità accademica in ripetute indagini sullo stato attuale del parco marino di Alonissos, con ricercatori che studiano campi inesplorati come partecipando insieme a dozzine di altri organizzazioni della Rete di cooperazione per l'ambiente marino.

Le nostre collaborazioni, ovviamente, si estendono oltre la Grecia: le sfide nell'ecosistema marino, dopotutto, non conoscono confini, motivo per cui la cooperazione transnazionale, le alleanze con organizzazioni e istituzioni all'estero sono una condizione necessaria per un approccio olistico ai problemi ambientali nel nostro comune vicinato, il Mediterraneo. In questo contesto, la Fondazione Thalassa, insieme alle Fondazioni Principe Alberto II di Monaco, MAVA, Segré e Sancta Devota, partecipa all'iniziativa Monk Seal Alliance (MSA), che mira a conservare e ripristinare le specie minacciate di estinzione della foca mediterranea, mentre rimanendo aperti a proposte e idee innovative che aiuteranno a proteggere gli habitat del Mediterraneo.

 

Fotografie: ©Monk Sea Alliance. G.Lecoeur   ©D.Poursanidis

Pelagia Kotsoni

Da rileggere su Punto Grecia
Ambiente- L’isola di Skyros pronta ad accogliere la prima “scuola verde”
L’isola di Sikinos, grande pioniera della protezione dell’ambiente marino

 

 

banner newsletter punto

Punto Grecia
#accaddeoggi #otd #oggi Il 16 agosto 1919, Antonis #Samarakis nacque ad Atene ✍️ È stato uno degli intellettuali gr… https://t.co/T4xPHDuEyY
Punto Grecia
#mostre #fotografia 📍Robert McCabe’s HYDRA 1950s-1960s 🗓 20 luglio – 31 ottobre, 2022 🌀 Palazzo storico di Lazaros… https://t.co/OuBq4bJMcU
Punto Grecia
Buon Ferragosto💦 Serifos, Chòra 📷©️@AegeanIslands_ https://t.co/WxiDy8FaiV
Follow Punto Grecia on Twitter

Greece 2021