Dopo la ristrutturazione appena conclusa, la moschea Fethiye, un monumento ottomano dal 17o secolo, al centro storico di Atene nella zona di Monastiraki, si apre al pubblico. Assieme all’esperienza di poter vedere la parte interna del monumento, il visitatore avrà l’opportunità di ammirare una mostra fotografica riguardante il lavoro complesso della Sovridendenza di Antichità di Atene durante gli ultimi 2 anni.

Fethiye servirà come un luogo di esposizioni per fotografie e antichità secondo la Sovridendenza di Antichità di Atene. La mostra attuale propone il tema delle fotografie dal restauro che era realizzato al Teatro di Erode Attico, al monumento di Thrasyllo, all’Asklepio sul lato sud della collina dell'Acropoli e in varie chiese bizantine.
Il secondo evento che sarà ospitato allo stesso posto (novembre prossimo) sarà una mostra dedicata all’ imperatore romano Adriano, che includerà oggetti antichi.

w19 232334FethiyeMosque1

Le ore per visitare la mostra e il monumento saranno le stesse con quelle della apertura del Forum Romano che si trova accanto (08:00-17:00, eventualmente anche fino alle 20:00 in autunno). La moschea Fethiye è stata costruita sulle rovine di una basilica cristiana del periodo mezzo-bizantino (8o-9o secolo), trasformata in moschea. Gli archeologi credevano che la costruzione fosse stata completata durante la visita del sultano Mehmed II il Conquistatore il 1458 ma dopo studi più recenti, in combinazione con scavi effetuati nella regione, hanno scoperto che la moschea deve essere stata conclusa all’incirca il 1668-1670.

Durante gli anni della prima liberazione di Atene la moschea è stata concessa alla Filomoussos Eteria (organizzazione filologica per promuovere la formazione e il filellenismo ) allo scopo di fondare una scuola che funzionerebbe con il metodo dell’educazione reciproca.

engine

Il 1935 era l’anno della prima ristrutturazione. L’edificio era anche usato nel passato come carcere militare della sede di guarnigione della città, come caserma, come scuola, come deposito per farine e poi, per anni, ospitava materiale archeologico. Nell’autunno di 2010 il Ministero di Cultura di Grecia ha ordinato di svuotare la moschea dalle antiquità immagazzinate lì per cominciare il processo del restauro e dell’apertura al pubblico.

Ch.P.

banner newsletter punto