Face Forward ...Into my home” è un progetto artistico interattivo focalizzato sulle storie di persone che sono state costrette a lasciare la loro patria e stanno ricostruendo la loro vita in Grecia. I visitatori potranno partecipare ai laboratori di narrazione esperienziali, durante i quali i rifugiati raccontano le loro storie personali. La mostra include anche alcune riprese fotografiche di ritratti e una mostra fotografica sui rifugiati e i richiedenti asilo, che ora vivono ad Atene, e beneficiano del programma ESTIA per il "Sostegno d'emergenza per l'alloggio e l'integrazione" implementato dalla Commissione e l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), e con il finanziamento della Commissione europea.

EMST1

Face Forward ...Into my home”presenta al pubblico i volti dietro ai numeri e alla crisi dei rifugiati, e racconta le loro storie: i membri della famiglia, la donna, l'uomo, l'adolescente. Conoscendo queste storie umane, ci si rende conto che anche se hanno perso quasi tutto quando sono stati costretti a fuggire dalle loro case, condividono ancora molti degli stessi desideri e sogni che tutti facciamo. Non hanno perso la loro identità, le loro competenze o la loro speranza. Loro solo desiderano riprendere una vita normale.Loro solo sperano di riprendere una vita normale.

FFWD C1

Nella prima fase della mostra, le persone che beneficiano del programma ESTIA sono invitati a condividere sentimenti, ricordi, speranze e aspirazioni, ispirati dalle opere d'arte della collezione dell’EMST.Usando queste come punto di partenza e come stimolo per esplorare le questioni sociali contemporanee, tra cui la migrazione forzata, l'integrazione sociale, lo scambio culturale e l'interazione sociale, i partecipanti creano storie autobiografiche che rivelano momenti del passato, costruiscono narrazioni personali sul presente e fanno piani per il futuro.

EMST2

Nella seconda fase, ritratti fotografici raffigurano i rifugiati e i richiedenti asilo nella loro vita quotidiana ad Atene. Accompagnati dalle storie, i ritratti fanno luce sul carattere unico di ogni persona. Le storie rivelano il "volto umano" della situazione dei rifugiati e ci ricordano le cose, le emozioni, i sentimenti che ci connettono con gli altri.

Nella terza fase, il Museo Nazionale d’Arte Contemporanea (EMST) presenta fino al 31 gennaio 2018 le storie personali e i ritratti fotografici.

Testo: M.O.

Cura editoriale: A.K.

banner newsletter punto

Punto Grecia
Attraverso la nostra rubrica "Destinazioni vicine", questa settimana vi proponiamo di fare una scappata a Tatoi sul… https://t.co/MsX6Lw6J4K
Punto Grecia
RT @GreeceinItaly: Il #Museo Archeologico di #Tebe e il Museo Diacronico di #Larissa candidati al #premio del Museo Europeo dell'anno https…
Follow Punto Grecia on Twitter