Von Hess. The Entry of King Othon of Greece into Nauplia 1

Due secoli fa, nel 1821, il popolo greco iniziò una rivoluzione contro l'Impero Ottomano, che occupò le sue terre per quasi 400 anni, e il 15 gennaio 1822 dichiarò ufficialmente la propria indipendenza; ma fu solo il 3 febbraio 1830 che la Grecia fu ufficialmente riconosciuta come Stato indipendente e sovrano con la firma del Protocollo di Londra, accordo siglato tra le tre grandi potenze dell'epoca (Gran Bretagna, Francia e Russia).

Contesto: La guerra d'indipendenza greca

A seguito di numerose ribellioni infruttuose nei territori greci durante tutto il periodo ottomano (la più importante delle quali, la "rivolta Orloff", avvenuta nel 1770-1771), il momento decisivo fu il 14 settembre 1814, quando Filiki Eteria (Società degli amici) fu fondata a Odessa da patrioti greci. La Società iniziò la Guerra d'Indipendenza nella primavera del 1821, con rivolte simultanee in tutta la Grecia, che portarono ad alcuni successi iniziali, come la liberazione del Peloponneso.

Le rappresaglie ottomane infersero subito duri colpi ai ribelli, fatto che generò simpatia anche per la causa greca nei Paesi occidentali, soprattutto nei casi di massacri di civili. Nel 1825, i potenti eserciti di Ibrahim Pascià d'Egitto vennero in aiuto del sultano Mahmud II, devastando le forze greche già esaurite e commettendo atrocità contro la popolazione greca. I ribelli avrebbero, tuttavia, mantenuto la loro resistenza fino a quando le potenze europee alleate non avessero finalmente deciso di intervenire a fianco dei greci.

1827: L'intervento delle "Grandi Potenze" e la Battaglia di Navarino

800px Russians at navarino

I governi occidentali, inizialmente sostenitori della neutralità, iniziarono a cambiare posizione gradualmente, spinti, da un lato, dall'opinione pubblica e dall'imponente ondata di filellenismo e, dall'altro, da un cambio di opinione su come promuovere al meglio i propri interessi nella regione. Sebbene fosse un sostenitore del mantenimento dell'Impero Ottomano, George Canning (Segretario di Stato per gli Esteri britannico dal 1922 e Primo Ministro nel 1927) sostenne sempre più l'idea di uno stato greco autonomo. Gran Bretagna e Francia temevano anche che le ambizioni della Russia nella regione e la sua rivalità con gli ottomani l'avrebbero portata ad azioni unilaterali a favore della Grecia e quindi hanno optato per un intervento congiunto che avrebbe servito meglio i propri interessi.

Nel 1827, le tre grandi potenze dell'epoca - Gran Bretagna, Francia e Russia - iniziarono i negoziati su un trattato per ristabilire la pace tra la Grecia e l'Impero Ottomano. Il Trattato di Londra, firmato il 6 luglio dello stesso anno, prevedeva la mediazione dei tre firmatari per porre fine alle ostilità, auspicava un armistizio immediato prevedendo la creazione di uno Stato greco "dipendente dalla Turchia".

Accettato dalla Grecia, ma rifiutato dalla Sublime Porta, il trattato del 1827 portò alla battaglia navale di Navarino il 20 ottobre 1827, dove la flotta alleata ottenne una vittoria decisiva contro l'armata ottomano-egiziana.

1828-1829 : Gli ultimi anni della Guerra d'Indipendenza

Nonostante le pesanti perdite subite dalla flotta ottomana a Navarino, il Sultano rifiuta di riconoscere qualsiasi forma di autonomia alla Grecia e chiede la completa sottomissione degli insorti. La maggior parte delle terre greche era ancora occupata dalle forze ottomane ed egiziane. Dopo la morte di Canning (8/1827) e la sua successione da parte del duca di Wellington, la Gran Bretagna ritirò ancora una volta il suo sostegno a uno stato greco indipendente, per timore che funzionasse come una dipendenza russa, antagonista degli interessi marittimi britannici.

Tuttavia, il concetto di uno stato indipendente aveva già guadagnato slancio. Allo stesso modo, dal 3 aprile 1827, la terza Assemblea nazionale greca (assemblee protoparlamentari dei ribelli greci) creò la funzione di governatore della Grecia per presiedere l'esecutivo e nominò Ioannis Kapodistrias (1776-1831) come «Κυβερνήτης» (governatore), del giovane stato greco indipendente. Kapodistrias era probabilmente il greco più eminente dell'epoca, l'ex ministro degli Esteri della Russia, una persona con grandi capacità diplomatiche e connessioni internazionali.

In risposta alla partecipazione russa alla battaglia di Navarino, il Sultano chiuse lo stretto dei Dardanelli (Ellesponto) alle navi russe, portando alla guerra russo-turca del 1828-1829, che si concluse con la vittoria russa. Nell'agosto 1828, dopo aver ottenuto il riluttante consenso di Wellington, un corpo di spedizione francese fu inviato nel Peloponneso con l'obiettivo di espellere dalla regione le forze di occupazione ottomano-egiziane; all'inizio di novembre, il loro obiettivo era stato raggiunto. Le forze greche iniziarono a riconquistare la regione della Grecia centrale.

Il 16 novembre 1828 le tre grandi potenze firmarono il primo Protocollo di Londra che creava uno Stato greco sotto la sovranità ottomana, limitato al Peloponneso (allora chiamato Morea) e alle Isole Cicladi. Tuttavia, l'accordo fu nuovamente respinto dal sultano.

Il Protocollo del 1828 fu modificato il 22 marzo 1829 dalla firma del Secondo Protocollo di Londra, mentre la guerra russo-turca continuava e il Sultano dovette affrontare diverse sconfitte. Il 14 settembre 1829 l'Impero Ottomano e la Russia firmarono il Trattato di Adrianopoli, che obbligava il Sultano a riconoscere l'autonomia della Grecia e ad accettare la decisione che sarebbe stata presa dalla Conferenza di Londra. Il 12 settembre 1829, la battaglia di Petra, dove Demetrio Ypsilanti ottenne una gloriosa vittoria, fu l'ultima battaglia della guerra d'indipendenza greca.

800px Entrevue du général Maison et dIbrahim Pacha à Navarin septembre 1828

Il Protocollo di Londra del 1830: l'atto internazionale di indipendenza

Kapodistrias non era soddisfatto della decisione di uno stato greco di vassallo e fece pressioni sulle maggiori potenze per l'indipendenza greca.

Wellington alla fine era anche convinto che uno stato parzialmente autonomo sarebbe stato sotto una maggiore influenza russa rispetto a uno stato indipendente. Il Secondo Protocollo di Londra fu quindi rivisto con la firma del Terzo Protocollo di Londra il 3 febbraio 1830 in cui i Plenipotenziari di Gran Bretagna, Francia e Russia dichiararono la Grecia uno stato indipendente e sovrano sotto la loro comune protezione. Nel primo dei suoi 11 articoli si proclama che “la Grecia formerà uno Stato indipendente e godrà di tutti i diritti politici, amministrativi e commerciali connessi alla piena indipendenza”. I confini del Paese furono quindi determinati attraverso la linea Aspropotamos-Spercheios che va dalla foce del fiume Aspropotamos (o Acheloos) al fiume Spercheios che sfocia nel golfo del Maliaco.

Il protocollo fu di nuovo modificato alla conferenza di Londra del 1832, il cui risultato fu di stabilire i confini finali del Regno di Grecia e di dare la corona al principe bavarese Ottone di Wittelsbach.

 

Testo in francese via GrèceHebdo e in inglese via Greek News Agenda

Da rileggere su PuntoGrecia: Ioannis Kapodistrias, il primo capo di stato della Grecia moderna

banner newsletter punto

Punto Grecia
#accaddeoggi #otd #oggi Il 16 agosto 1919, Antonis #Samarakis nacque ad Atene ✍️ È stato uno degli intellettuali gr… https://t.co/T4xPHDuEyY
Punto Grecia
#mostre #fotografia 📍Robert McCabe’s HYDRA 1950s-1960s 🗓 20 luglio – 31 ottobre, 2022 🌀 Palazzo storico di Lazaros… https://t.co/OuBq4bJMcU
Punto Grecia
Buon Ferragosto💦 Serifos, Chòra 📷©️@AegeanIslands_ https://t.co/WxiDy8FaiV
Follow Punto Grecia on Twitter

Greece 2021