Philosophers

Quando si parla del contributo della Grecia alla cultura mondiale - dalla democrazia al teatro e all'atletica - la filosofia è uno dei primi che ci vengono in mente. Non sorprende che il suo nome sia greco, da φιλοσοφία che significa "amore per la saggezza".

A differenza di altre pratiche e insiemi di conoscenze, come l'architettura e le arti visive, che furono perfezionate ma non inventate dai greci, si ritiene che la Grecia sia il luogo di nascita della filosofia occidentale, in quanto la nozione di filosofia come studio degli assiomi di base, che compongono la conoscenza, è stata effettivamente creata lì.

Ci sono ovviamente sistemi filosofici più antichi nel mondo, come la tradizione Hindu Samkhya, ma si ritiene generalmente che si siano sviluppati indipendentemente, e non ci sono prove storiche sostanziali di contatti e scambi tra queste culture, fino ai tempi di Alessandro Magno, che suggerirebbero un'influenza dell'uno sull'altro. Le somiglianze tra il pensiero indù e quello greco antico sono quindi generalmente considerate secondarie.

Quando pensiamo alla filosofia greca, inevitabilmente pensiamo a certi nomi. Socrate, Platone e Aristotele, figure di plauso universale, possono spesso essere citate anche da persone completamente estranee allo studio della filosofia.

Ma ci sono tantissimi altri importanti pensatori e filosofi di origine greca di cui potreste non aver sentito parlare. Parliamo non solo di filosofi greci antichi, ma anche di diversi importanti pensatori dell'era bizantina e dei tempi moderni. Sono tutt'altro che oscuri nell'ambito della filosofia e del mondo accademico, ma è molto probabile che chiunque non sia specializzato in questi campi non ne abbia mai sentito. Cominciamo con i presocratici, i filosofi che hanno preceduto Socrate o erano suoi contemporanei ma svilupparono scuole di pensiero completamente indipendenti, senza alcuna influenza da parte sua. Tutti i filosofi che seguirono Socrate, Platone e Aristotele furono in qualche modo influenzati da alcuni o da tutti, anche se solo dalle loro differenze.

Presocratici

  • Talete di Mileto

Talete di Milleto (c. 624 – c. 546 aC) è stato considerato come il primo filosofo da Aristotele, e annoverato fra i Sette Savi dell’antica Grecia. È riconosciuto come la prima persona conosciuta ad allontanarsi dalle spiegazioni mitologiche, cercando invece di interpretare i fenomeni naturali attraverso teorie e ipotesi naturalistiche, in un precursore della scienza moderna. Ha così tracciato la rotta per tutti gli altri filosofi presocratici. Secondo Aristotele, la tesi cosmologica di Talete era che il principio originario della natura (l'archè - in greco ἀρχή) fosse un'unica sostanza materiale: l'acqua.

800px Bronnikov gimnpifagoreizev

  • Pitagora

Pitagora da Samo (c. 570 – c. 495 aC) è oggigiorno noto soprattutto per aver sviluppato l'omonimo teorema, una delle regole di base della geometria. Molti potrebbero pensare a lui solo come un matematico. Eppure, ai suoi tempi, scienza e filosofia erano strettamente legate. Pitagora è stato anche accreditato di scoperte scientifiche tra cui la Scala pitagorica, i cinque solidi platonici e la teoria delle proporzionalità, mentre era anche tra quelli che si dice abbia originato l'idea della sfericità della Terra.

Intorno al 530 aC si recò nella colonia greca di Crotone nell'Italia meridionale, dove fondò una "scuola", funzionante principalmente come comune o setta. Gli aderenti erano legati da un voto a Pitagora e condividevano tutti i loro beni tra loro, praticavano il vegetarianesimo e vivevano vite ascetiche dedicate allo studio delle teorie religiose e filosofiche. Una delle principali dottrine del pitagorismo sembra essere stata la metempsicosi, e un'altra era quella della '"musica delle sfere", che sosteneva che i pianeti e le stelle si muovessero secondo equazioni matematiche, che corrispondono a note musicali e quindi producono una sinfonia impercettibile.

  • Eraclito

Eraclito di Efeso (c. 535 – c. 475 aC) ha proposto una teoria distintiva che ha espresso in linguaggio oracolare. È meglio conosciuto per le sue dottrine che le cose cambiano costantemente, che gli opposti coincidono e che il fuoco è il materiale di base del mondo. Le frasi "tutto scorre" (πάντα ῥεῖ) e ‘’ non si può discendere due volte nel medesimo fiume’’ sono attribuite ad Eraclito.

Bramante heracleitus and democritus.jpeg

  • Parmenide

Si dice che Parmenide di Elea (inizi del 5° aC) abbia composto un'unica opera, un poema metafisico e cosmologico, che è diventato noto con il titolo "Sulla natura". È generalmente riconosciuto per aver svolto un ruolo importante nello sviluppo dell'antica filosofia naturale greca e della metafisica, ed è stato tra i primi a proporre una caratterizzazione ontologica della natura fondamentale della realtà. Gli viene attribuita la frase "Infatti lo stesso è pensare ed essere" e il detto "Dal nulla viene nulla". Il suo adagio " impossibile che una stessa cosa sia e nello stesso tempo non sia " è stato messo in contrasto con il concetto di cambiamento costante di Eraclito.

  • Anassagora

Anassagora (c. 500 – c. 428 aC) ha proposto una teoria fisica del "tutto-in-tutto" e ha affermato che il nous (l’intelletto o la mente) era la causa principale del cosmos, del mondo. Rispondendo alle affermazioni di Parmenide sull'impossibilità del cambiamento, Anassagora ha descritto il mondo come una miscela di ingredienti primari imperituri, dove la variazione materiale non è mai stata causata dalla presenza assoluta di un particolare ingrediente, ma piuttosto dalla sua relativa preponderanza sugli altri ingredienti. Ha anche fornito una serie di nuovi resoconti scientifici dei fenomeni naturali; fu il primo a dare una spiegazione corretta delle eclissi e descrisse il Sole e le stelle come masse ardenti.

  • Empedocle

Empedocle (c. 494 – c. 434 aC) è principalmente noto per il suo ruolo pioneristico nella promozione dell’influente teoria in quattro parti delle radici (aria, acqua, terra e fuoco) insieme a due principi attivi, l’ amore e il conflitto, che hanno influenzato la filosofia, la medicina, il misticismo, la cosmologia e la religione successive. Il suo sistema filosofico ha risposto al rifiuto del cambiamento di Parmenide abbracciando ingiunzioni religiose e pratiche magiche. Influenzato da Pitagora, sviluppò la sua teoria sulla reincarnazione; è anche stato accreditato con la prima teoria completa della luce e della visione.

  • Protagora

Protagora (c. 490 – c. 420 aC) fu uno dei sofisti più importanti con notevole influenza nei dibattiti intellettuali del 5° secolo aC. Il suo insegnamento aveva un obiettivo pratico e concreto, ed era principalmente dedicato allo sviluppo di tecniche argomentative. Ha affrontato argomenti legati alla virtù e alla vita politica, e in particolare è stato coinvolto nella questione se la virtù potesse essere insegnata. È famoso per la sua affermazione che "l'uomo è misura di tutte le cose", interpretata da Platone nel senso che non esiste una verità oggettiva.

Salvator Rosa Démocrite et Protagoras 1

  • Democrito

Democrito (c. 460 – c. 370 aC) conosciuto nell'antichità come il "filosofo del riso" a causa della sua enfasi sul valore dell '"allegria" (euthymía in greco), fu uno dei due fondatori dell'antica teoria atomistica. Ha elaborato un sistema originato dal suo maestro Leucippo in un racconto materialista del mondo naturale. Molti considerano Democrito il "padre della scienza moderna" e il Centro nazionale greco per la ricerca scientifica prende il suo nome da lui. Gli storici greci considerano Democrito di aver stabilito l'estetica come oggetto di indagine e di studio, poiché ha scritto teoricamente sulla poesia e le belle arti molto prima di autori come Aristotele.

Testo in inglese via Greek News Agenda