La via Pireos, collegando il centro (piazza Omonia) di Atene col suo porto di Pireo, rappresenta, in un modo karmico, il punto di partenza ma anche la linea di traguardo per la Scuola Superiore delle Belle Arte (ASKT in greco). Fu il suo primo (la residenza della famiglia C. Vlachoutsi) e ultimo (la fabbrica della famiglia Sikiaridis) alloggio.
Quando all’inizio degli anni novanta, Nikos Kessanlis stava cercando un nuovo edificio che avrebbe occcupato ampio spazio per lo sviluppo di studi (per il trasferimento della Scuola dalla via Patision e l’Università Politecnica), i vecchi impianti delle “Filande Greche” sono state salvate, comprate dallo stato greco e hanno ospitato ASKT (1992).

Sikiaridi

Nell’ambito di documenta14 che si svolge attualmente ad Atene, i discendenti della famiglia Sikiaridis (l’architetta Elissavet e il suo fratello Simos) hanno creato, dopo una relativa richiesta, “Fabric”, un documentario di 18 min. sullo spazio che apparteneva alla loro famiglia. Il film viene proiettato alla vecchia biblioteca della Scuola, accompagnato da una piccola mostra. Si tratta del ciclo di vita delle “Filande Greche” e allo stesso tempo del ritratto dell’epoca industriale quando furono attivi i sudditi borghesi dell’Impero Ottomano.

Sikiaridi 2

Ci sono riferimenti alla storia della famiglia Sikiaridis, proveniente della Cappadocia dell’Est, passando da Istanbul e Beirut, che si stabilì a metà degli anni 1920 ad Atene e fondò la fabbrica. Le famiglie Sikiaridis e Abazoglou (legate con matrimonio) producevano tessuti che venivano venduti all’Ovest. Dopo l’insediamento ad Atene fu nata l’idea della produzione della lana. La famiglia Abazoglou si consisteva di commercianti di cereali e possedeva il palazzo “Cercle d’Orient” e “Cinema Emek” a Peran (oggi Beioglu) come pure immobili sulle isole Prigkipi (oggi Prens Adaları) a Costantinopoli (oggi Istanbul).

sxoli kalon texnon

La famiglia Sikiaridis svolse attività in Anatolia e a Beirut. Quando venne ad Atene, comprò lotti lungo la via Pireos, fondò la sua fabbrica, costruì la loro residenza nonchè altri edifici che vennero venduti ad altri imprenditori greci. Istituì la Fondazione Sikiaridis per i bambini ammalati e poveri, il teatro Rex al centro di Atene (oggi l’edificio appartiene al teatro Nazionale) e la Scuola Comunitaria Greca Anastasia Sikiaridou a Beirut.

sxoli kalon texnon1

Gli anni ottanta segnano la fine dell’industria tessile in Grecia e come altre imprese di questo settore, le “Filande Greche” (chiamate già “Fabbricazione Lana Greco Inglese”) chiude (1981). “Non è rimasto quasi niente dalla storia della famiglia” secondo Elissavet Sikiaridis “però ora lo spazio ha la funzione ideale”. Un piccolo pezzo della storia famigliare è purtroppo rimasto sull’iscrizione marmorea ancora salvata fra le rovine dell’ASKT: “Concordia, Fede, Lavoro”!

sxoli kalon texnon2

Ch.P.

banner newsletter punto

Punto Grecia
Attraverso la nostra rubrica "Destinazioni vicine", questa settimana vi proponiamo di fare una scappata a Tatoi sul… https://t.co/MsX6Lw6J4K
Punto Grecia
RT @GreeceinItaly: Il #Museo Archeologico di #Tebe e il Museo Diacronico di #Larissa candidati al #premio del Museo Europeo dell'anno https…
Follow Punto Grecia on Twitter