Un'alternativa naturale all'aspirina è stata recentemente lanciata sul mercato sotto il nome ‘Iama cretese’.

Varie ricerche hanno rivelato che un misto di oli essenziali con tre tipi d’erbe aromatiche cretesi (varie proporzioni)- salvia (Salvia fruticosa), timo (coridothymus capitatus) e roveto ardente (Origanum Dictamus) -assieme all’olio di oliva extra, contribuisce al rafforzamento naturale del sistema immunitario, con un effetto particolarmente benefico sulle infezioni del tratto respiratorio superiore.  

 

IAMA collage

Il prodotto ‘iama cretese’ è il frutto del lavoro di un gruppo di ricercatori rinomati dell' Università di Creta –prof. Christos Lionis e prof. Elias Castanas, docenti di medicina, e prof. Stergios Pirintsos, docente di biologia - in collaborazione con la Cooperativa Agricola di Rethymno ed ‘Olvos Science’, una delle aziende greche più dinamiche del settore di farmaci senza obbligo di prescrizione, apparecchi medicali ed integratori alimentari.

La ricerca, nominata la prima volta nel 1999 sulla rivista scientifica di ambito medico Lancet, ha durato circa 15 anni ed ha avuto l’obbiettivo di trovare alternative naturali all'aspirina, partendo dalla tradizione e dalle piante terapeutiche cretesi.

In un recente articolo intitolato "Rapporto sull’efficacia di un estratto di tre erbe tradizionali cretesi sulle infezioni del tratto respiratorio superiore: i risultati di uno studio in doppio cieco, randomizzato e controllato", pubblicato nel Giornale di Ethnofarmacologia nel 2015, il Professor Lionis ed il suo team hanno presentato gli effetti di queste erbe aromatiche, sottolineando in particolar modo e la loro efficacia nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni respiratorie, come il raffreddore comune e l'influenza.

L'uso di erbe aromatiche, conosciute non solo per le loro proprietà legate all’olfatto, ma anche per le loro proprietà curative, è stato una parte integrante della cultura greca per secoli.

Nella Grecia antica, Ippocrate, il "padre della medicina" greco le usava nella quotidianità; ha anche elencato circa 400 erbe di uso comune durante il 5 ° secolo AC, mentre nel 1 ° secolo DC, Dioscoride ha documentato l’esistenza di 600 piante, considerate “la base” per molte opere successive.

 

 

banner newsletter punto