A metà del 2015 è iniziata nell'isola cicladica di Sifnos un’azione di carattere innovativo su iniziativa della Società Cooperativa di Sifnos. Questa azione si basa su due assi principali: da una parte, informare residenti e visitatori dell’isola e aumentare la loro consapevolezza sulla necessità di ridurre i sacchetti di plastica usa e getta e, dall’altra parte, fornire borse riutilizzabili fatte a mano, che vengono prodotte sull'isola. Allo scopo di ridurre o addirittura eliminare l'uso di sacchetti di plastica, la Società si è impegnata nella produzione di queste borse di 100% cotone, facilmente reperibili nella maggior parte dei supermercati e negozi dell'isola.

sifnos collage2

Intanto, dato che Sifnos non è connessa alla rete elettrica continentale, e perciò dipendente esclusivamente dai combustibili fossili, la Società sta cercando modi per rendere l’isola autosufficiente dal punto di vista energetico, sfruttando le fonti energetiche rinnovabili, come il vento e l'acqua di mare.

L'obiettivo è quello di ottenere una vera e propria autosufficienza energetica attraverso l'utilizzo delle risorse di energia rinnovabili locali. Per raggiungere i suoi obiettivi, la Società Cooperativa di Sifnos rafforza i legami con altre iniziative pertinenti in tutta Europa, mirando anche a trovare investitori stranieri interessati a sostenere gli eco-progetti. Nello stesso tempo, la Società cerca di convincere gli isolani che sarebbe nel loro interesse puntare sulla sostenibilità ambientale e lavorare per uno futuro sostenibile, facendo di Sifnos un'isola sostenibile, con impianti di produzione di proprietà delle comunità locali e gestite congiuntamente dai cittadini.

L’idea della Società Cooperativa di Sifnos è stata inclusa nel progetto REScoop 20-20-20, un’iniziativa lanciata dalla Federazione di cooperative e gruppi di cittadini per le rinnovabili in Europa con il supporto del programma Intelligent Energy Europe. In questo quadro e con queste finalità è stato organizzato a Sifnos un workshop aperto a tutti gli isolani.

Obiettivi secondari del progetto, oltre alla produzione di energia, sono tutelare e promuovere l’artigianato, il commercio, l'agricoltura, il turismo, così come tutte le attività economiche, e anche creare nuovi posti di lavoro e migliorare in modo sostanziale la qualità di vita.

In effetti, Sifnos è un esempio concreto di come la cooperazione può aprire nuove strade e favorire così nuove opportunità di crescita per l'economia locale.

banner newsletter punto